Translate

sabato 19 novembre 2022

Otto miliardi

Mentre la Cop 27 che si e' tenuta in Egitto la settimana scorsa andava incontro al suo ennesimo fallimento, senza che nessuno dei partecipanti abbia mai accennato al boom demografico, l'Onu ha comunicato che il pianeta ha raggiunto e superato gli 8 miliardi di umani. La cosa sorprendente e' che i 7 miliardi erano stati raggiunti soltanto 12 anni fa. Un miliardo di umani in piu in cosi breve tempo significa una cosa sola:l'esplosione demografica degli ultimi decenni e' in piena salute e continua senza limiti e senza dare tregua al pianeta. Tutti i nuovi nati saranno futuri consumatori, sia se rimarranno nel paese di nascita sia se emigreranno in aree economicamente sviluppate. Tacere sul fenomeno demografico e' la strategia sia dei verdi che dei governi piu o meno autoritari e corrotti che amministrano le aree del pianeta con alta natalita', che non fanno nulla contro il boom demografico, anzi ne approfittano per politiche di potenza e per lucrare sul fenomeno tramite l'emigrazione e i rientri delle rendite. Lo stallo demografico da tanti ritenuto prossimo, non si vede ancora e non se ne hanno tracce. Si puo dire che la famosa transizione demografica e' come l'araba fenice " che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa". Di fatto la specie umana prosegue la sua crescita cancerosa, di cui le migrazioni rappresentano le metastasi, una crescita che sta soffocando la biosfera, distruggendo l'ecosistema, cioe' la base della vita e della varieta' delle specie viventi. L'antropocentrismo dominante e' preoccupato del cosidetto riscaldamento climatico o dell'inquinamento ambientale solo per le ripercussioni sulle popolazioni umane e per la sopravvivenza e i diritti della sola specie umana. Di fronte ai diritti di Homo passano in secondo piano la fine delle specie animali e vegetali, come ad esempio l'Elefante africano, il rinoceronte di cui restano poche migliaia di esemplari, la tigre delle indie e tante altre rare specie viventi, finora miracolosamente sopravvissute al cancro umano. Eppure questa e' di gran lunga la prima emergenza planetaria, tutte le altre seguono. Il riscaldamento climatico, l'immissione di carbonio in atmosfera, l'inquinamenti da altri gas e sostanze quali i nitrati e i solfuri, da particolati, da prodotti chimici, da pesticidi, da plastiche ecc. non e' legato a particolari civilta' o a sistemi economici come il libero mercato e il capitalismo, ma semplicemente al numero di abitanti perche' nel mondo globalizzato ogni esemplare di homo e' un produttore - consumatore, sia esso americano, indiano, cinese o africano, sia esso stanziale o migrante. Piu alto e' il numero degli homo piu alta e' la produzione di merci, il commercio, ,le eiezioni di gas e sostanze inquinanti, piu alta la crescita di rifiuti e discariche. Non nego la necessita di ridurre i consumi e il consumo di idrocarburi, nego che la cosa abbia una qualche rilevanza senza la riduzione della natalita' umana e la decrescita demografica. Finora non e'stato ancora inventato un uomo non consumatore e non produttore, anche se persiste nella mente degli ecologisti mainstream l'utopia dell'Homo abstinens, contemplativo, sostenibile, che vive di assistenza statale e bonus, senza emissioni, appiedato o al massimo fornito di bicicletta, mangiatore di insetti e piantatore d'alberi. Nella realta' Homo e' un grande emettitore, inquinatore, vorace consumatore di energia, estrattore ed utilizzatore di acqua, deforestatore, cementificatore e costruttore, mobile e mobilizzabile con i mezzi piu' inquinanti come aerei, navi, auto, treni, porti, ferrovie, gallerie, aeroporti, rampe, funivie, seggiovie, piloni ed altre amenita' ecologicamente insostenibili e incompatibili. L'unica possibilita' di salvezza e' il controllo demografico, non esistono altre vie o scorciatoie. Intanto i verdi del politically correct continuano a strepitare contro i consumi della societa occidentale, proprio mentre milioni di persone dall'asia e dall'africa cercano in tutti i modi di divenire consumatori occidentali violando ogni limite e confine e traversando mari ed oceani (come in Australia ed in America). Anche le popolazioni che restano nei paesi poveri, cercano lo sviluppo secondo un modello occidentale d'annata, basato su consumi energetici e produzione, consumi e cementificazione. Oggi il paese piu inquinante non e' piu un paese dell'occidente capitalistico, il maggiore emettitore di carbonio, produttore di rifiuti e inquinamento planetario e' l'antioccidentale Repubblica Popoplare Cinese, guidata dal Partito Comunista e abitata da un miliardo e mezzo di umani. Con il raggiungimento del "traguardo" degli otto miliardi cade il velo di maia dei movimenti verdi. Il loro silenzio e' una accusa alla loro fede ambientalista, un'auto condanna alla marginalita' e alla irrilevanza in questa cruciale fase di storia del pianeta. A volte l'incomprensione dei verdi riguardo al vero problema del pianeta sfocia nella stupidita', come quando , con somma irresponsabilita' e cecita', affermano che per l'uomo c'e' ancora tanto spazio da occupare sulla Terra.

martedì 26 luglio 2022

Riscaldamento: non solo l'uomo

Riporto questo articolo di Monica Panetto dell'Università di Padova sulla posizione critica del professor Scafetta della Duke University,sulle posizioni dell'IPCC a proposito del riscaldamento climatico. Rispetto alla divulgazione ormai totale dei media sulla causa antropica come causa unica e principale del riscaldamento, ritengo utile valutare le posizioni che offrono prospettive diverse. Le lobby che sostengono le cause antropiche, guarda caso ridotte alla sola emissione di carbonio da idrocarburi, sono sospette, tanto più sospette quanto più rifiutano ogni discussione e criminalizzano chi la pensa diversamente. In particolare queste lobby, supportate dai verdi ormai politicamente schierati a favore dei paesi in via di sviluppo e contro l'occidente, negano e silenziano ogni discorso sulla pressione eccessiva sul pianeta di otto miliardi di Homo, e riportano ogni problema ad una unica causa: il sistema del libero mercato e e dei consumi di idrocarburi, invocando una redistribuzione delle risorse che non prevede la "pace demografica" da parte dei paesi emergenti. Il sistema capitalistico, pronto ad adeguarsi al nuovo credo, si sta rapidamente trasformando per assicurare i nuovi prodotti e i nuovi consumi necessari alla economia senza carbonio. Allo stesso tempo le nuove potenze economiche emergenti: Cina, India e presto l'Africa, premono sullo sfruttamento di ogni tipo di energia, dal carbone al nucleare, dal gas al petrolio per assumere il ruolo che fu dell'occidente. La Cina, principale produttore delle cosiddette rinnovabili, e altri paesi asiatici vendono il prodotto a Europa e Usa, utilizzandolo solo marginalmente in casa propria (vista la scarsa efficienza e gli alti costi). Gli stessi paesi emergenti utilizzano il boom demografico come strategia di questo nuovo ruolo, mentre l'occidente affonda e con esso il pianeta, ridotto a discarica di Homo.
"RISCALDAMENTO GLOBALE: L'UOMO COLPEVOLE SOLO A META'"
Secondo l’Intergovernmental panel on climate change (Ipcc) le emissioni globali di gas serra sono in aumento a un ritmo doppio rispetto a dieci anni fa e la temperatura media continua a crescere rispetto ai livelli pre-industriali. In tutto questo l’uomo avrebbe causato più del 90% del riscaldamento globale sin dal 1900 e praticamente il 100% dal 1970. Da qui tutta una serie di politiche di intervento che vanno dalla riduzione delle emissioni di gas serra ad azioni di riforestazione, dal ricorso alle energie rinnovabili a una gestione più sostenibile delle città. Eppure, a fronte di questa situazione, c’è chi sostiene che gli scenari di previsione dell’Ipcc non siano del tutto corretti perché basati su modelli climatici che considerano solo in minima parte le variabili naturali accanto al contributo antropico. Di conseguenza anche le responsabilità attribuite all’uomo sarebbero state sovrastimate. A esserne convinto è Nicola Scafetta, docente alla Duke University in North Carolina, che ha esposto i suoi studi nei giorni scorsi a Padova.
“Il clima è influenzato certamente dal fattore antropico, ma anche da fattori naturali che possono essere interni alla terra, come nel caso dei vulcani, e astronomici. La critica che io muovo all’Ipcc è di non sapere modellare bene la componente astronomica del clima. I modelli dell’Ipcc parlano solo di irradianza solare che, tra l’altro, si ritiene dia un contributo esiguo ai cambiamenti climatici e ignorano altri aspetti”. Il sole, ad esempio, non emette solo luce, ma anche un forte campo magnetico. Questo influenza i raggi cosmici che a loro volta incidono sulla nuvolosità e quindi sulla quantità di luce che raggiunge la superficie terrestre con conseguenti ripercussioni anche sul clima. E non vengono presi in considerazione nemmeno gli effetti lunari: accanto alle maree giornaliere esistono infatti cicli molto più lunghi che influiscono sugli oceani e sul trasferimento di calore dall’equatore ai poli. Producendo anche in questo caso cambiamenti climatici.
Scafetta aggiunge che i modelli dell’Ipcc si basano dal 2001 su una ricostruzione della temperatura globale degli ultimi 1000 anni, conosciuta come hockey stick, elaborata da Michael E. Mann nel 1998 su cui tuttavia sono stati avanzati dei dubbi. Secondo lo studio, il pianeta sarebbe stato caratterizzato da una temperatura costante prima del 1900 e successivamente da un riscaldamento anomalo. Il risultato tuttavia è in contrasto con quanto sostenuto da storici e geologi, secondo i quali i primi secoli del millennio dovevano essere piuttosto caldi, al contrario dei secoli dal 1400 al 1800, ritenuti invece molto freddi e conosciuti come la “piccola era glaciale”. In effetti già dal 2004-2005 l’hockey stick comincia a essere criticato. Tra gli altri Anders Moberg e Fredrik Charpentier Ljungqvist propongono ricostruzioni alternative del clima. E anche Scafetta dà il proprio contributo.
“Negli ultimi 400.000 anni – spiega – si sono alternati sul nostro pianeta periodi caldi e periodi freddi di cui i modelli dell’Ipcc non riescono a dare conto”. E continua: “Se la temperatura presenta cicli periodici naturali, l’unica spiegazione ragionevole è che il sistema climatico sia modulato da cicli astronomici”. Le oscillazioni naturali del clima sarebbero dunque sincronizzate con oscillazioni astronomiche, cioè con oscillazioni del sistema solare indotte dal movimento dei pianeti. Sole, luna e pianeti sono caratterizzati da numerosi cicli a diverse scale temporali: di 11 e 12 anni quelli del sole e di 18,6 e 8,85 anni i cicli maggiori della luna. Giove ha un periodo orbitale di circa 12 anni e Saturno di 30 anni cui se ne aggiungono altri tre: i dieci anni dell’opposizione dei due pianeti, i 20 della congiunzione e i 60 anni necessari per essere allineati con la Terra attorno al sole. Scafetta avrebbe individuato, ad esempio, una corrispondenza ciclica di 60 anni nei periodi 1880-1940 e 1940-2000, durante i quali le temperature hanno dimostrato un andamento simile. Consentendo anche di fare previsioni per il futuro.
Gli studi del docente della Duke University aprono dunque scenari differenti rispetto a quelli proposti dall’Ipcc. “Secondo i miei calcoli l’uomo contribuisce al riscaldamento globale per circa il 50% e non per il 100% come vorrebbe l’Ipcc. L’altra metà può essere attribuita a oscillazioni astronomiche”. E continua: “Se non si è in grado di modellare la componente del clima condizionata dai fenomeni astronomici, non si può nemmeno quantificare con esattezza la componente antropica”. Anche le previsioni relative alla temperatura per il prossimo secolo si discostano da quanto sostenuto finora. Sembra infatti che fino agli anni 2030-2040 si assisterà a una stasi o addirittura a un raffreddamento. “I modelli dell’Ipcc stanno fallendo – argomenta Scafetta – Anche se la quantità di anidride carbonica è aumentata molto, dal 2000 la temperatura è rimasta costante. E sebbene l’Ipcc lo riconosca e ammetta che i modelli climatici utilizzati stanno presentando dei problemi, utilizza poi quegli stessi modelli per le previsioni climatiche del ventunesimo secolo”.
Monica Panetto

mercoledì 6 luglio 2022

La bufala riscaldamento

(La recente conferenza di unificazione tra sinistra e verdi)
Mi convinco sempre di più che la storia del riscaldamento climatico sia una colossale bufala dietro cui ci sono interessi costituiti potenti. Troppo potente il bombardamento mediatico sulla gente, troppo uniforme il messaggio, troppo violenta la espulsione dal contesto civile di chi pone dei dubbi. L'allineamento dei governi al fideismo sul global warming è impressionante, pressoché totale, ma i comportamenti poi sono molto differenti dai declami. La Cina è il primo produttore al mondo di rinnovabili, ma sono anche il primo consumatore al mondo di carbone e petrolio. Anche sul merito del riscaldamento non ci sono certezze. I dati che vengono diffusi sono per lo più manipolazioni, come dimostra in numerose pubblicazioni e convegni il geologo e metereologo Prestininzi dell'Università di Roma, con i suoi studi sulla rilevazione delle temperature degli ultimi secoli o come afferma il più importante climatologo italiano a livello internazionale, Franco Prodi: “Nessuna ricerca scientifica stabilisce una relazione certa tra le attività dell'uomo ed il riscaldamento globale. Perciò, dire che siamo noi i responsabili dei cambiamenti climatici è scientificamente infondato ". Le oscillazioni del clima ci sono sempre state, Carlo Rubbia in un noto discorso al Senato ricordò quelle degli ultimi duemila anni, con punte di caldo ben più corpose di quelle attuali. Questo non significa che le emissioni di carbonio e l'inquinamento da combustibili non esista, esiste e contribuisce alla irrespirabilità dell'aria e al degrado chimico dei suoli e delle acque. Ma ogni discorso sul contenimento delle emissioni è inficiato dall'oblio e dal silenziamento del fattore popolazione, vero tabù dei movimenti verdi. Se il riscaldamento fosse una vera emergenza, il problema popolazione dovrebbe essere al primo posto. Eppure nessuno ne parla: né i governi, né le istituzioni, né gli studiosi del problema che accettano acriticamente il cambiamento climatico,, né tantomeno i movimenti politici che si richiamano alla difesa ambientale.
La storia del riscaldamento globale del resto è un ottimo argomento per permettere ai verdi di sopravvivere e di contare politicamente a livello mondiale, ma sono loro stessi a non crederci, per lo meno nei termini catastrofici che strombazzano su tutti i media. Se ci credessero veramente, la loro battaglia anticonsumista e per una economia della redistribuzione basate solo sulle rinnovabili, verrebbe messa in secondo ordine rispetto al primo fattore all'origine del disastro ambientale: la sovrappopolazione umana del pianeta terra. L'equazione di Ehrlich I = PxAxT mette al primo posto nell'Impatto sull'ambiente la popolazione umana. Ehrlich è molto chiaro al proposito: "L'immissione in atmosfera dei principali gas serra, anidride carbonica e metano, che possono modificare il clima e rovinare la produzione agricola, non è facile da correggere. La concentrazione atmosferica di questi gas è strettamente legata alle dimensioni della popolazione. Conseguentemente, non c'è nessun metodo pratico per ottenere la necessaria riduzione dell'emissione di questi gas senza un controllo demografico " (P. e A. Ehrlich: Un pianeta non basta 1991, pag.61).
Dunque i verdi tacciono sul fattore principale della immissione di gas serra, metre spingono l'acceleratore sul cambiamento politico ed economico: socialismo, carbon tax solo contro i paesi occidentali, redistribuzione a favore dei paesi emergenti e stop ai consumi dei paesi occidentali. Non si accenna minimamente ai tassi di natalità di alcuni paesi dell'Africa o dell'oriente, i quali determinano un accrescimento medio dei consumatori ed emettitori di carbonio sul pianeta di circa 90 milioni ogni anno. Chi è nato negli anni 50 del novecento è nato in un altro pianeta: allora c'erano due miliardi di umani, oggi ce ne sono otto. Tutto questo nel volgere di una sola generazione: una esplosione demografica mostruosa che non si era mai vista per nessuna altra specie sulla terra. Una esplosione che è la causa della scomparsa di migliaia di specie viventi ogni anno con perdita della biodiversità e di interi ambienti naturali. Ciascuno dei nuovi nati della specie Homo cerca benessere e consumi e tutti i discorsi alla Greta servono solo a punire gli occidentali del passato sviluppo. Anzi i movimenti tipo Friday for Future chiedono a gran voce che cinesi, indiani ed africani si allineino ai consumi dei paesi ricchi (o ex ricchi) e che vengano abolite le differenze economiche e sociali su tutto il pianeta. Il risultato pratico di tutto questo si può leggere consultando i grafici delle emissioni di carbonio in atmosfera: nonostante le varie conferenze basate sul nulla (COP nelle varie declinazioni geografiche- Kyoto, Parigi ecc.- e numeriche)e i pareri dei soloni dell'Onu, le emissioni crescono senza mai deflettere, conferenza dopo conferenza.
Cina, India, Pakistan, Africa, ecc. accelerano sui consumi ricorrendo al carbone, petrolio, nucleare ecc. e tutto quello che assicura energia a basso costo, badando al proprio tornaconto e profittando dello stallo occidentale. Nessuno dei paesi in questione adotta più politiche di contenimento demografico, complici gli interessi politici e le politiche di potenza regionale o globale. In questo scenario i verdi vengono a dirci che il futuro del pianeta dipende dallo stop ai consumi in Europa e in Usa (paesi in rapido declino economico, la fine di un mondo dove tra l'altro sono situati i paesi con regime democratico e liberale), ed alla adozione - ma solo da parte occidentale- di energie costose e poco efficienti come le pale eoliche o i pannelli solari. Sul primo fattore di Ehrilch, la popolazione planetaria, silenzio assoluto e chi osa soltanto accennarvi è condannato all'inferno politico, al rigetto morale e all'isolamento dal contesto "civile"del pensiero unico politically correct. Chi accenna al problema è attaccato e deriso, i dati scientifici pubblicati su riviste rigorose considerati carta straccia se non allineati alla nuova ideologia del cocomero verde. L'Antropocentrismo è verde, il pianeta può divenire immensa discarica e cimitero di tutte le altre specie viventi purché si pensi ai diritti di una sola specie: Homo. L'importante è l'uomo verde e progressista, il cocomero verde fuori e rosso dentro, come mostrato al termine della recente conferenza di unione politica tra sinistra e verdi.

domenica 5 giugno 2022

La distruzione verde del paesaggio italiano

Pare che il progetto stia per passare, con il beneplacido degli ambientalisti doc. Sette torri eoliche di 200 metri sulle colline tra Orvieto e Bolsena, uno dei paesaggi piu' belli e incontaminati d'Italia. Oltre all'inquinamento acustico dei rotori, al degrado dell'ambiente naturale che ospita specie aviarie e animali da tempo in pericolo, c'e' lo sfregio al paesaggio che neanche il piu' infame speculatore avrebbe osato realizzare. E' appena immaginabile lo sbancamento di terreno di alto valore naturalistico necessario all'impianto di queste torri, le colate di cemento, le strade di collegamento, gli elettrodotti e tutte le devastazioni ambientali per le strutture collegate. Ma i verdi sono entusiasti. Abbiamo l'energia pulita grazie alle rinnovabili. Davanti all'idolo delle rinnovabili, cosa vuoi che contino il Duomo di Orvieto o le verdi colline intorno al lago di Bolsena? Con la nuova energia si potranno realizzare nuovi condomini di dieci piani che vadano ad accrescere la gia' orrenda periferia di quella che un tempo Freud considerava una delle piu belle cittadine storiche del belpaese e ne aveva fatto uno dei suoi luoghi preferiti di vacanze. Antropos viene sempre per primo, dicono i verdi, avanti con i rotori.
Riporto l'articolo di un opinionista del Corriere che non ha nulla a che fare con l'ambientalismo ufficiale, per fortuna.
di E. Galli della Loggia
"Una multinazionale progetta di piazzare sette pale eoliche per la produzione elettrica — di duecento metri di altezza — sul crinale delle colline prospicienti il lago di Bolsena, tra Orvieto (con il suo miserabile duomo alto appena 50 metri) e Castel San Giorgio
In Italia è sempre così. C’è un’ emergenza, il tempo stringe, bisogna fare in fretta e allora avanti ad autorizzare e a permettere anche ciò che non potrebbe esserlo. Naturalmente per la gioia di chi ha qualche interesse in ballo e che così può farsi meglio gli affari propri. Con l’emergenza Covid ad esempio, bar e ristoranti sono stati a autorizzati a mettere qualche tavolo all’aperto senza pagare nulla per l’occupazione del suolo pubblico. Risultato: in cento città praticamente la metà dei posti macchina disponibili in centro sono stati mangiati dai dehors e dovunque i marciapiedi e perfino il centro delle piazze sono invasi quasi per intero dai tavolini. Se mai verrà il momento ci vorrà la Folgore per far tornare le cose come prima.
Nel caso di Orvieto oggi basterebbe invece molto meno. Basterebbe che il Ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani desse uno sguardo al progetto delle «Rwe Renewables Italia» e dicesse un semplice no. Grazie questa volta all’emergenza Ucraina, infatti, e all’ulteriore allentamento delle regole del settore, la suddetta multinazionale progetta di piazzare a breve sette pale eoliche per la produzione elettrica — sette cosucce di duecento metri di altezza — sul crinale delle colline prospicienti il lago di Bolsena, tra Orvieto (con il suo miserabile duomo alto appena 50 metri) e il comune di Castel Giorgio. Rovinando così uno dei paesaggi più belli dell’Italia centrale e colpendone la vocazione turistica: con un progetto che tra l’altro potrebbe essere tranquillamente spostato in mezzo al mare. È mai possibile, mi chiedo, dovere stare ancora a ripetere queste cose? Da decenni essere costretti a battere e ribattere sempre le stesse cose perché in Italia lo Stato centrale e i suoi politici non sembrano accorgersi mai di nulla, muovendosi spontaneamente per primi in difesa del Paese che governano? Coraggio ministro Cingolani, ci dia l’illusione che con lei le cose vanno diversamente! ENERGIE ALTERNATIVE ORVIETO

mercoledì 11 maggio 2022

Verdi e popolazione: il muro non cade

Riporto questo articolo del Fatto Quotidiano perché esprime in maniera paradigmatica il pensiero del movimento verde (caduto nell’antropoegoismo assoluto) attraverso quelli che attualmente ne rappresentano esponenti di primo piano, come Fridays for Future e l’ecogiornalista inglese Monbiot. Le frasi estratte dal pensiero verde antropoegoico sono caratteristiche: non contano le specie viventi diverse da Homo ma solo i diritti di Homo. Il lento e sotterraneo movimento per i diritti degli animali e per un visione non antropocentrica, sembra ancora non scalfire il muro che separa gli ecologisti dalla presa di coscienza della principale criticità del pianeta: la sovrappopolazione umana. Nel pezzo vengono continuamente citati i diritti (di Homo), tra cui quello di figliare a piacimento. Si nega che la crescita demografica sia un problema, anzi:
“l’impatto globale di essa è molto più esiguo di quanto molti possano immaginare”.
“La crescita demografica non è, come molti sostengono, esponenziale. Anzi il tasso è in rapido calo”.
“Considerare i figli come un grave errore di cui vergognarsi…è piuttosto desolante, sintomo di una società vecchia e reazionaria”.
Poi si riportano le posizioni di George Monbiot, un giornalista ecologista che era partito bene in passato, contribuendo insieme ad altri (Wilson et al.)a fondare il concetto e la filosofia del Rewilding, cioè di una azione ecologica rivolta non solo a conservare le aree verdi e le specie a rischio, ma anche a reintrodurre il selvaggio, gli ambienti naturali, le specie tipiche, nelle varie zone da cui l’antropocentrismo le ha cacciate e restaurando le aree incontaminate stravolte dalla presenza umana. Purtroppo Monbiot è caduto anche lui nelle posizioni dei diritti di Homo e nell’antropocentrismo ideologico, dimenticandosi del mondo selvaggio. La giornalista del Fatto, riportandone l’evoluzione del pensiero, parte con la solita sparata dei cannoni con cui i verdi attaccano il pensiero dissenziente:
“…una vena più o meno razzista e colonialista nell’accusa che le nazioni ricche fanno alle nazioni povere (di fare troppi figli senza avere le risorse per mantenerli)”. Sono infatti le soscietà ricche quelle con la crescita demografica zero, ad essere più inquinanti, consumiste e ad avere impronte carboniche maggiori, commenta la giornalista.
A parte il fatto che a pensarla così non sono le nazioni ricche (molte multinazionali portano avanti il pensiero unico equosolidale...)ma ecologisti che non vogliono adeguarsi al politically correct ma pensare con la propria testa, questo modo di vedere nasconde una presunzione di verità e una omissione. La presunzione di verità è la seguente: un mondo più povero, con le risorse equamente distribuite, ma senza maggior produzione (e quindi più povero, per una legge matematica), sarebbe meno inquinante anche se sovrappopolato, rispetto ad un mondo più ricco con popolazione stabile o in decrescita. Un mondo più povero e popolato, al di là delle astrazioni ideologiche, è già presente oggi in alcune aree del pianeta: non mi risulta che siano le meno inquinate. Provare per credere: proprio in questo blog ho varie volte accennato a megalopoli sovrappopolate e con tecnologia arretrata per povertà di risorse economiche (come nel mio articolo su Karachi, o su certe megalopoli africane) ridotte a discariche gigantesche e fonti di inquinamento chimico, da particolato, da plastiche, da tossici , con aria irrespirabile e tassi di morbilità e mortalità elevati.
Veniamo all’omissione: si tace , rimuovendola da ogni argomentare, sul fatto che oggi i tassi di natalità non possono più essere considerati appartenenti a certe aree e non ad altre, della superficie terrestre. Quando si dice che i tassi di natalità, ad esempio, sono alti in Africa o in Bangla Desh, ma troppo bassi in Europa si dice una menzogna colpevolmente nascosta dai verdi antropoegoici. E’ vero infatti che la natalità è concentrata in certe aree, dove tra l’altro non vi sono risorse, ma poiché il mondo oggi è globalizzato, l’affermazione che la crescita demografica è riservata a certe zone è falsa. In passato, quando gli spostamenti di popolazione erano più rari e difficoltosi, le risorse locali (acqua, produzione agricola, alimentari, lavoro, sanità ecc.) fungevano da limitazione alla natalità. Oggi questo non costituisce più impedimento alle alte natalità, in quanto i nuovi nati, spesso ancora minorenni, si trasferiscono (o meglio vengono trasferiti con vere e proprie tratte…) nelle aree dove possono trovare risorse adeguate (Europa essenzialmente). La mobilità delle merci, ma in questi ultimi decenni soprattutto delle persone, è divenuta estremanente efficiente e diffusa (nonostante i frequenti incidenti, ma di questi i trafficanti non si preoccupano). Ciò significa che di chi nasce, ad esempio, in Nigeria, solo una parte rimarrà sul luogo, la stragrande maggioranza vivrà in Europa. (Ciònonostante la popolazione della Nigeria cresce a ritmi che la porterà ai 950 milioni a fine secolo. E stiamo parlando solo della Nigeria). E’ palesemente falso quindi che chi nasce in Nigeria inquinerà di meno: inquinerà con gli stessi tassi di tossicità chimica e fisica e le stesse emissioni di chi vive in Europa. A ciò si aggiunga che gli stessi Nigeriani aspirano ad aumentare i consumi e gli inquinanti, non volendo giustamente vivere da poveri e ricercando le vie brevi per lo sviluppo. La frase di Monbiot: “Poiché la crescita demografica riguarda soprattutto i più poveri del mondo, questi hanno un impatto sul pianeta molto più lieve rispetto ai ricchi e quindi la crescita demografica è molto inferiore a un terzo dell’aumento complessivo dei consumi” è quindi un insieme di falsità, un inganno senza se e senza ma. Monbiot tace poi miseramente sulla fine delle specie animali selvaggie africane dovuto alla crescita dell'agricoltura, delle città e delle infrastrutture. Un silenzio di tomba è il termine adeguato su una perdita irreparabile per il pianeta Terra. Altro che ritorno al selvaggio, come predicava Monbiot agli inizi della sua carriera ecologista...
Dopo di ché l’articolo vira sulle banalità: se si assicurano i diritti delle donne, se si da istruzione ed emancipazione a donne e bambini, la natalità cala bla bla bla direbbe Greta. (E’ evidente la contraddizione tra il dire che la natalità non conta in quanto contano i consumi dei ricchi, e poi auspicare il calo della natalità per diritti). Sono le posizioni dell’Onu, ma se non si interviene con politiche attive di controllo delle nascite la storia dell’ultimo secolo dimostra che i tassi sono molto lenti a calare, o non calano affatto. A volte la natalità è anzi aumentata con lo sviluppo economico e sociale. Se ad esempio per ragioni politiche o religiose, o per semplici tradizioni secolari,per nazionalismo, o come avviene oggi in certi paesi per interessi economici (rimesse ecc.), si perseguono l’aumento della popolazione e un alto numero di figli, lo sviluppo di economie più floride non arresta la crescita. Si consideri l’inerzia demografica delle popolazioni immigrate: la riduzione, pur presente in certi casi, è molto lenta e i tassi si mantengono alti soprattuto nelle culture poco disposte all’integrazione. C’è infine il discorso della campana demografica: le popolazioni in crescita sono molto giovani, e su una popolazione con alti numeri di giovani la base su cui si applicano le percentuali è più ampia. Alla lunga, anche se il tasso di natalità cala leggermente nelle percentuali, i numeri assoluti dei nuovi nati sono in crescita, pur in presenza di sviluppo economico e di diritti. Il finale di simili articoli sconfina a volte nel patetico e nel politically correct: " Perché i bambini lavorano nei paesi poveri? Perché gli adulti non hanno salari adeguati, perché le multinazionali (e quindi la colpa è sempre dell’occidente…) subappaltano ecc. ecc. Stendo un pietoso velo su questa congerie di corbellerie di cui è difficile fare anche un commento. Come se l’Africa, qualora mancassero le imprese occidentali, sarebbe in rigoglioso sviluppo. Sospetto che, semplicemente, sarebbe preda delle imprese di rapina cinesi, o, bene che vada, russe o indiane.
Come sempre i verdi sono ormai in pieno delirio antropocentrico e , parafrasando il filosofo, forse soltanto un Dio ci può salvare.
Articolo del Fatto Quotidiano (Autrice : Linda Maggiori)
Ogni volta che provo a parlare di stili di vita, che testimonio come si possono ridurre i consumi, che parlo di giustizia ecologica e globale, immancabilmente qualcuno mi attacca dicendomi: “Ipocrita, taci, tu vegana e senz’auto, inquini più di me che mangio tutti i giorni la bistecca e che vado sempre col Suv, perché hai fatto 4 figli”. Considerare i figli come un grave errore di cui vergognarsi, o un motivo per accusare e zittire una donna impegnata nell’ambiente, è piuttosto desolante, sintomo di una società vecchia e reazionaria. Non ho mai “sbandierato” questa scelta (la pianificazione familiare è un fatto privato). Mi accorgo però che sul concetto della sovrappopolazione tanti si aggrappano, forse per mettersi a posto la coscienza. Pochi figli (o zero figli) legittimano stili di vita inquinanti? Al contrario è colpa di chi fa più figli se il mondo va a rotoli? Una settimana fa i Fridays for Future Italia hanno sollevato questo tema, scatenando un vespaio. Hanno citato un articolo di Monbiot, giornalista del Guardian, che affermava (2020): “Non c’è dubbio che la crescita demografica sottoponga l’ambiente a uno stress. Ma l’impatto globale è molto più esiguo di quanto molti possano immaginare. La crescita demografica globale (annua) è oggi dell’1,05% e costituisce la metà del tasso di crescita massima, raggiunto nel 1963 (2,2%). In altre parole, la crescita demografica non è, come molti sostengono, esponenziale. Anzi, il tasso è in rapido calo. Di contro, fino alla pandemia, la crescita economica globale si era aggirata per diversi anni intorno al 3% e ci si aspettava che restasse stabile. In altre parole, la crescita era esponenziale. Poiché la crescita demografica riguarda soprattutto i più poveri del mondo, questi hanno un impatto sul pianeta molto più lieve rispetto ai ricchi e quindi la crescita demografica è molto inferiore a un terzo dell’aumento complessivo dei consumi”.
George Monbiot sottolineava una vena più o meno consapevolmente razzista e colonialista nell’accusa che le nazioni ricche fanno alle nazioni povere. Sono infatti le società ricche, quelle con crescita demografica zero, ad essere più inquinanti, consumiste e ad avere impronte carboniche maggiori. Prendiamo l’Italia, dove ci sono più morti che nati, dove il cemento avanza imperturbabile la sua corsa e le auto aumentano di anno in anno. Sempre meno persone, sempre più oggetti. Una società vecchia, sempre meno attenta ai bisogni delle nuove generazioni, e piuttosto cinica rispetto al futuro. In Italia i bambini sono 5 volte in meno delle auto (8 milioni contro 39 milioni), i diritti e lo spazio destinato ai bambini in città è sempre più esiguo. Nel Sud del mondo la sovrappopolazione è davvero un problema, ma è un problema soprattutto di diritti. Le donne dei paesi poveri hanno tanti figli non sempre per libera scelta, ma perché non hanno diritti, sono costrette in matrimoni forzati e precoci, hanno scarso accesso ai metodi contraccettivi, alle cure sanitarie, all’istruzione, i bambini sono braccia da lavoro, sfruttati nel lavoro minorile. Con programmi di emancipazione, salute e istruzione per donne e bambini, mettendo al bando lo sfruttamento del lavoro, la crescita demografica naturalmente rallenta.
Ma perché i bambini lavorano? Perché gli adulti non hanno salari adeguati, perché le multinazionali subappaltano chiudendo gli occhi sui diritti, perché noi occidentali abbiamo fame di continui vestiti, giocattoli, oggetti a prezzi stracciati. Solo dando maggiori diritti a donne e bambini si riuscirà a rallentare la crescita demografica nei paesi poveri. Al contempo il modello occidentale, consumista ed energivoro non può essere un modello da seguire per chi esce dalla povertà. E siamo noi i primi a dover dare il buon esempio, consumando meno. Il punto è tutto qua. Nel mondo ci sono quasi 2 miliardi di auto (concentrate soprattutto nel nord del mondo), qualcosa come 210 miliardi di animali allevati, (carne destinata per lo più a occidentali ipernutriti – e malati) e una marea di cibo sprecato. Il 5% dei 7 miliardi di attuali esseri umani usa il 25% delle risorse disponibili e il 20% della popolazione mondiale usa l’80% dell’energia. Le Nazioni Unite stimano che la popolazione mondiale toccherà i 9,8 miliardi nel 2050 per poi diminuire. Se tutti vorranno mangiare così tanta carne come mangiamo noi, se vorranno avere un’auto a testa come noi, cementificare, produrre rifiuti, sprecare cibo e comprare vestiti come facciamo noi, cosa diremo loro? “Noi sì, voi no, stateci a guardare e fate meno figli”? Oltre a garantire diritti, istruzione e salute nei paesi del Sud del mondo, dobbiamo ridurre la nostra impronta ecologica, per permettere a tutti gli abitanti del pianeta di raggiungere la stessa dignità e sobrietà. Non c’è pace senza giustizia ecologica.
Linda Maggiori

domenica 8 maggio 2022

Il mondo che si delinea dopo la guerra

Si temeva che le emissioni di carbonio portassero alla fine della civiltà nel giro di alcuni decenni. Ben più rapidamente l'emissione di stupidità da parte degli umani sta portando ad una crisi planetaria da cui non vedo vie di uscita. La guerra e, prima ancora la pandemia, ci stanno insegnando che sperare nelle risorse delle civiltà che si confrontano sulla terra è pura illusione. La globalizzazione si è rivelata per quel che era, un fatto commerciale per ridurre il costo del lavoro e implementare le produzioni su scala mondiale(senza più alcuna attenzione alla democrazia). In realtà, dietro le menzogne sull'economia globale, c'erano interessi di potere di paesi e governi ben determinati a fare solo i propri affari. La fine del lungo dopoguerra è ormai evidente dalla politica Usa degli ultimi presidenti, senza distinzione di partito. Molto illuminante è stato come l'america ha risposto alla aggressione russa dell'Ucraina: il presidente, un vecchio signore dell'establishment, invece di arrivare ad un compromesso onorevole con l'aggressore,come avrebbe fatto un quasiasi Kennedy o Nixon, ha cominciato ad inveire contro il nemico, ha escluso accordi fin da subito, infine si è limitato a inviare armi, lasciando la politica dell'occidente in balia dei singoli governi incapaci di dare una risposta unitaria. Dietro le parole inutili era possibile leggere questo pensiero: l'America non ha intenzione di sporcarsi le mani a migliaia di chilometri dai suoi confini, noi siamo qui, vedetevela voi. La crisi dell'Europa è evidente a tutti, e gli unici interlocutori della potenza nucleare russa sono stati la Cina ed Erdogan. L'europa è un circolo dopolavoro che fa continue riunioni senza concludere nulla. Manca di strumenti adeguati , non ha un esercito, ha una economia frammentata, e legislazioni completamente diverse nei singoli paesi. Anche nella pandemia abbiamo assistito allo spettacolo di una Europa incapace di coordinarsi, ed a una america che ha vaccinato solo una parte della popolazione. La sfiducia nella scienza è manifesta ovunque nella terra della sera, come chiamavano i greci la parte di mondo soggetta alla loro influenza. La scienza è nata in occidente ma la civiltà occidentale non trasmette più istruzione, la scuola ha perso i suoi riferimenti e i contenuti tecnici sono scadenti. Se fosse possibile stilare un indice di sviluppo tecnologico, al primo postro sarebbe la Cina. Le lingue parlate in europa sono tutte alla fine, l'inglese regge finchè ci si gestirà il commercio, ma presto arriverà il cinese o l'indiano. La vicenda delle vaccinazioni ha dimostrato che non c'è più una comunità con valori condivisi. Ancora alcuni decenni fa si seguivano le indicazioni degli scienziati senza discutere, oggi si fanno dibattiti per qualsiasi argomento. Il crollo culturale non è che il riflesso del crollo dell'ambiente, della biosfera, e di quella luce intellettuale che è oggi sostituita dal commercio e dalle vendite. In questo mondo mediatito sembra di assistere alla continua menzogna pubblicitaria, senza un senso di verità che guidi da qualche parte. Siamo tutti più soli, in un mondo di otto miliardi, chiusi in scatoloni di cemento, irrorati dal verbo consumistico, impoveriti di concetti e di parole, in preda a ciarlatani e a scienziati che parlano nel deserto di coscienze intellettuali, mescolando le loro voci in un osceno caleidoscopio. Non ci sono più cori gregoriani, ma coretti da pollaio. Nella tv russa hanno parlato, le nuove menti che orientano i popoli, di missili termonucleari lanciati su città come Londra o Berlino, o Parigi. Non sono stati neanche in grado di capire la follia e il paradosso che si nasconde diatro queste esibizioni. Questo nel bel mezzo di una guerra che rischia ogni momento di estendersi. Il discorso ecologico, al momento della crisi, non ha retto alla prova.I vari protocolli tipo Kyoto sono belli e seppelliti, e ogni paese si industria a bruciare petrolio, carbone e gas senza più alcuna remora. Sulle rinnovabili pongo pietoso velo, visto che la situazione ha fatto gettare la maschera a tutti: nessuno crede che siano di qualche importanza per superare la crisi. L'economia si avvia verso la stagnazione e l'inflazione, contemporaneamente. Dall'aumento vertiginoso dei prezzi dell'energia si salvano per il momento i paesi che usano il nucleare, ma ciò non basta all'economia mondiale. Nel frattempo si preparano scenari di fame e di migrazioni di massa visto la crescita demografica del nord Africa e dell'India. Migrare verso la crisi economica è pur sempre meglio che rimanere nella fame certa. E nessuno ancora azzarda a prporre politiche demografiche che facciano almeno ridurre il problema tra dieci o venti anni. Le emissioni di stupidità da parte di Homo non si fermano: paesi alla fame cercano di incrementare le nascite per pura politica di potenza o per la speranza di rientro economico delle rimesse degli emigrati. Si procede alla cieca...chi vivrà, vedrà.

giovedì 24 febbraio 2022

Considerazioni geopolitiche

Non c'è bisogno di essere esperti in geopolitica per trarre alcune conclusioni sulla guerra russo-ucraina. Lo spettacolo recente dell'Afganistan, del cosidetto esercito più potente del mondo (quello americano) che fugge letteralmente con aerei stracarichi all'ultimo istante davanti ad un esercito (più banda che esercito...) di straccioni impreparati e disorganizzati, non poteva che portare al via libera: la Russia si sta riprendendo l'Ucraina, la Cina a breve si riprenderà Taiwan.
Lo spettacolo dell'Occidente (la terra del tramonto) di fronte ai nuovi scenari è devastante. A fronte dell'alleato americano suonato e sotto KO, incapace perfino di reagire con dignità, c'è la figura meschina dell'Europa incapace di fare un comunicato unico che esprima un'idea. Lasciamo stare l'aspetto militare: dal secondo dopoguerra gli europei, ed in parte gli stessi americani, hanno disimparato di come si fa e si conduce una guerra. Quello che sanno fare è solo "polizia internazionale" o peace kiping che dir si voglia. Quando il Nobel Obama si rifiutò di bombardare in Libia il palazzo che ospitava qualche centinaio di terroristi (ed i loro capi) perché c'era il pericolo della presenza di alcuni civili nei dintorni, permettendo così ai terroristi di lasciare indisturbati il loro quartier generale e fare poi nelle settimane successive migliaia di morti civili innocenti tra massacri, esecuzioni e attentati, fu chiara a tutti la parabola di una potenza che non era più niente di rilevante sulla scena mondiale.
Di fronte all'invasione russa, il nostro ministro degli esteri Di Maio ha minacciato come ritorsione di non incontrare per un po' i governanti russi. Putin e Medvedev pare siano stati colti da una crisi di panico. Poi però si sono ripresi e hanno commemtato: "ma come, se viene qui solo per magiare ai ricevimenti...".
La politica energetica europea è poi l'esempio più eclatante della fine di un'epoca. Mentre avanzano sulle scenario geopolitico le nuove "sovranità" internazionali: la Russia, la Cina, l'Asia sud orientale e il Giappone, e si affaccia persino qualche nazione africana, l'Europa segue il destino che si è scelta. Da anni ha rinunciato alla sovranità energetica e optato per la dipendenza dal gas russo. Prima ha scelto di dipendere per respirare dal boccaglio russo, ora fa la voce grossa con chi gli da l'ossigeno. E' chiaro che quella che esce è una voce in falsetto, siamo in piena comicità di una tragicommedia. Un mare di pannelli cosiddetti solari funzionano solo in virtù di generosi finanziamenti che fanno apparire essenziale quello che essenziale non è, e migliaia di torri eoliche stanno sorgendo ovunque, devastando ambienti e paesaggi, in attesa di un vento che non arriva, e se arriva è vento di guerra mosso dalle bombe. A ciò si aggiunge l'irrilevanza politica: la capacità europea di influire sulla geopolitica è legata solo ai regali economici, al comprarsi la benevolenza. Ovviamente ognuno ne approfitta secondo i propri interessi: basti vedere la rapina del gas che in teoria sarebbe nei confini europei. La Turchia si sta prendendo tutti i pozzi di gas e carburanti nel mediterraneo orientale, e le trivelle egiziane e algerine sono già all'opera nei nostri mari. Un fallimento più grande di così era difficile immaginarlo per i demagoghi europei, seguaci della nuova religione verde con un dio dal nome ridicolo e impronunciabile: Rinnovabile. Anzi una novella trinità se si aggiungono Sostenibile ed Equosolidale.
Di questi tizi il lupo russo fa un boccone solo, e giustamente. Le sanzioni, l'unica arma spuntata che la terra del tramonto è in grado di porre in campo, fanno ridere chi, da un momento all'altro, può decidere di bloccare la nostra economia, il riscaldamento in inverno, l'aria condizionata in estate (di cui non sappiamo più fare a meno), le fabbriche, le città di una terra che è ormai terra di tutti e di nessuno. Basta un grido di Putin per far scappare tutti gli europei, con la coda bassa, sotto il padrone Usa, che però ha perso ogni capacità di padroneggiare chicchessia.
E ora prepariamoci a Taiwan...